Torna al menu principale
Blog di Google Italy
Formazione

Tutti hanno una domanda: fai la tua domanda partecipando alla Google Science Fair 2012



Gli esseri umani sono nati curiosi oppure la curiosità si coltiva attraverso l’ambiente, la competitività o un buon insegnante? Tutti abbiamo una domanda da fare - questa è la nostra, ma siamo sicuri che anche tu avrai un sacco di domande. Oggi vogliamo invitare gli studenti di tutto il mondo a porre le loro domande sul mondo che li circonda e a rispondere a queste domande attraverso la ricerca scientifica.

Insieme ai nostri partner CERN, LEGO, National Geographic e Scientific American, lanciamo oggi la seconda edizione della Google Science Fair, la più grande competizione scientifica online, aperta a studenti di tutto il mondo di età comprese fra 13 e 18 anni. Sia individualmente, sia in squadre di tre persone al massimo, gli studenti individuano una domanda, sviluppano un’ipotesi e conducono esperimenti scientifici per testarla. L’intero processo deve essere descritto in dettaglio e presentato online, tramite un modello disponibile nel sito web della Google Science Fair. Tutto ciò che serve per partecipare, quindi, sono tanta curiosità, una connessione a Internet e un browser.

Lo scorso anno abbiamo ricevuto progetti che cercavano di indirizzare i bisogni più vari, da “Come curare il cancro?” a “È possibile insegnare inglese a un robot?” o “È possibile costruire una barca a vela più veloce?” La quantità e la qualità di questi progetti erano impressionanti e quest’anno ci auguriamo di ricevere ancora più progetti da giovani brillanti che saranno la nuova generazione di scienziati.

La fiera di quest’anno sarà ancora più globale di quella dello scorso anno, infatti i progetti possono essere presentati in 13 lingue (arabo, cinese, olandese, inglese, francese, tedesco, ebraico, italiano, giapponese, coreano, polacco, spagnolo e russo). Inoltre, premieremo 90 finalisti regionali (30 dalle Americhe, 30 dalla regione Asia-Pacifico e 30 dall’area Europa/Medio Oriente/Africa). Da questa rosa di 90 - che saranno annunciati a maggio - i nostri giudici selezioneranno i 15 finalisti, che voleranno in California a Mountain View, nel quartier generale di Google, per prendere parte all’evento finale della Google Science Fair che si terrà il 23 luglio 2012. Alle finali, una giuria eminente selezionerà i vincitori per ogni categoria di età (13-14, 15-16 e 17-18).

ANela competizione di quest’anno è stata inoltre introdotta una nuova categoria, il premio Scientific American Science in Action. Siamo stati talmente inspirati dal progetto della finalista Harine Ravichandran dello scorso anno, che ha cercato di risolvere il problema dei picchi di energia elettrica nei villaggi rurali, che abbiamo deciso di premiare anche un progetto eccezionale che indirizzi una problematica sociale, ambientale o sanitaria e sia in grado di fare la differenza nella vita diuna comunità, proprio come è il progetto di Harine ha fatto per il villaggio dei nonni in India. Anche il vincitore di questo premio sarà invitato a Mountain View per l’evento finale a luglio.

La Google Science Fair apre oggi, 12 gennaio, in tutto il mondo e i progetti si potranno presentare fino a domenica 1 aprile alle ore 11:59 GMT. Oltre ad appagare la tua curiosità, il tuo progetto può anche permetterti di vincere premi interessanti come una borsa di studio da $50,000 offerta da Google, un viaggio di 10 giorni alle Isole Galapagos con un esploratore del National Geographic o un tirocinio in Google o presso uno dei nostri partner. Il vincitore del premio Scientific American Science in Action si aggiudicherà $50,000 e il supporto di un mentore per un anno per trasformare il suo progetto in realtà.

I vincitori della prima Google Science Fair, chesi è tenuta l’anno scorso, sono diventati una specie di rock star della scienza. Shree Bose, Naomi Shah e Lauren Hodge hanno incontrato il Presidente Obama, sono state invitati a parlare a importanti eventi come TED Women e su di loro sono stati scritti articoli nella rivista Wired. Shree, la vincitrice del primo premio, è stata descritta nella rivista Glamour come una delle 21 Amazing Young Women of the Year. Visite alla Casa Bianca e articoli a parte, ogni studente che ha partecipa alla Google Science Fair ha la possibilità di svolgere ricerca pratica con il potenziale di cambiare veramente il mondo.

Visita google.com/sciencefair e fai le domande che sono veramente importanti per te affinché tutto il mondo le senta. Google stesso è stato fondato attraverso esperimenti e con la Google Science Fair ci auguriamo di ispirare l’esplorazione scientifica nella generazione futura di scienziati e ingegneri, celebrare il talento scientifico e unire gli studenti di tutto il mondo nella ricerca del sapere.