Torna al menu principale
Blog di Google Italy
Intelligenza Artificiale

Il machine learning è tutto da scoprire con gli A.I. Experiments



Provate a fare un salto indietro nel tempo e a ripensare alla storia dell’umanità: da sempre, gli uomini si sono messi alla prova, hanno fatto scoperte, sperimentato, provato - anche sbagliando - smontato e rimontato oggetti. La ruota, la locomotiva, il telefono o il cellulare: a piccoli passi, quelli che all’inizio sembravano piccoli esperimenti, sono diventati soluzioni utili, a volte indispensabili, nella vita di tutti i giorni.

È quello che sta accadendo con il machine learning. Molti ricercatori stanno studiando i meccanismi e le tecniche di riconoscimento vocale, le reti neurali, gli algoritmi per il riconoscimento delle immagini e altro ancora. E i risultati di questi studi sono visibili in applicazioni di uso comune. Un esempio fra molti: con Google Traduttore potete scattare la foto di un segnale stradale o di un menu in una lingua che non conoscete, il sistema riconosce le parole e la lingua che sono nella foto e ve le mostra tradotte direttamente nella foto, in tempo reale.

Per illustrare in modo semplice come funziona il machine learning e, perché no, permettere anche di creare i propri esperimenti, abbiamo realizzato gli A.I. Experiments, che mostrano come la macchina possa imparare a comprendere molte delle cose che ci circondano.

Prendiamo Quick, Draw!, un esempio divertente di cosa si può fare con il machine learning: una rete neuronale cerca di riconoscere quello che state disegnando, il tutto usando la stessa tecnologia grazie a cui Google Traduttore riconosce la scrittura manuale. E più giocate, più il sistema impara.

Esempio di Quick Draw.  Si vede una bici disegnata con questa funzione.

Con A.I. Duet, invece, potete improvvisare un duetto al piano con il computer. Provate a suonare alcune note e il computer vi risponderà con una melodia. Basta toccare i tasti, non è necessario sapere suonare il piano.

Immagine di persona al computer che utilizza Giorgio cam.

Provate Giorgio Cam: scattate una foto e il computer vi dirà ciò che vede trasformandolo nelle parole di una canzone, magari in rima, sulla note di un brano del grande Giorgio Moroder.

Ora tocca a voi. Divertitevi con gli A.I. Experiments e lasciatevi ispirare a fare grandi cose con il machine learning. Scritto da: