Torna al menu principale
Blog di Google Italy
Ricerca Google

Come funziona il completamento automatico nella Ricerca Google



Quando andate su Google, lo fate con già un'idea di cosa dovete cercare. Non appena iniziate a digitare, la barra di ricerca vi mostra delle previsioni per aiutarvi a completare ciò che state digitando. Queste previsioni vi consentono di risparmiare tempo e provengono da una funzionalità chiamata Completamento automatico. 
In questo articolo parleremo di come le previsioni del Completamento automatico vengono generate automaticamente in base a ricerche reali e in che modo questa funzione vi aiuta a completare la query che avete in mente. Vedremo anche perché non tutte le previsioni sono utili e cosa facciamo in questi casi. 

Da dove vengono le previsioni del completamento automatico 

Le previsioni del completamento automatico rispecchiano le ricerche che sono state fatte su Google. Per determinare quali previsioni mostrare, i nostri sistemi iniziano esaminando le query comuni e di tendenza che corrispondono a ciò che qualcuno inizia a inserire nella casella di ricerca. Ad esempio, se dovessi digitare "episodio star trek ...", cercheremo i completamenti comuni che seguiranno, come "episodio star trek discovery" o "episodio star trek picard". 
 

È così che funzionano le previsioni al livello più elementare. Ma dietro c'è molto di più. Non mostriamo solo le previsioni più comuni in generale. Consideriamo anche fattori come la lingua di chi fa la ricerca o da dove sta cercando, perché queste cose rendono le previsioni molto più pertinenti. Di seguito abbiamo messo a confronto le previsioni per la ricerca di "driving test" fatta in California rispetto alla stessa ricerca fatta nella provincia canadese dell'Ontario. Le previsioni differiscono nella denominazione di località pertinenti o persino nell'ortografia di "centre" per i canadesi al posto dell'ortografia americana "center".

Schermata di motore di ricerca con scritto "driving test..."


Per fornire previsioni più precise per query di ricerca lunghe, i nostri sistemi possono passare automaticamente dalla previsione di un'intera ricerca a parti di una ricerca. Ad esempio, potremmo non vedere molte query relativamente alla ricerca di "nome della parte anteriore di” qualche oggetto particolare. Tuttavia, vengono visualizzate molte query per "nome della parte anteriore di un'auto o "nome della parte anteriore di un altare". Ecco perché siamo in grado di offrire queste previsioni verso la fine di ciò che le persone cominciano a digitare. 

Nel mostrare delle previsioni teniamo anche conto dell'attualità di un tema. Se i nostri sistemi automatizzati rilevano un crescente interesse per un argomento, potrebbero mostrare una previsione di tendenza anche se in genere non è la più comune di tutte le previsioni correlate di cui siamo a conoscenza. Ad esempio, le ricerche di una squadra di calcio sono probabilmente più comuni delle singole partite. Tuttavia, se quella squadra ha appena vinto un grande derby, le previsioni tempestive relative alla partita potrebbero essere più utili per coloro che cercano informazioni rilevanti in quel momento. 


Ovviamente, le previsioni varieranno anche a seconda dell'argomento specifico che le persone stanno cercando. Persone, luoghi e cose hanno attributi diversi a cui le persone sono interessate. Ad esempio, qualcuno che cerca "viaggio a New York" potrebbe vedere una previsione di "viaggio a New York per Natale", poiché questo è un momento popolare per visitare quella città. Al contrario, "viaggio a San Francisco" potrebbe mostrare una previsione di "viaggio a San Francisco e Yosemite". Anche se due argomenti sembrano essere simili o rientrano in categorie simili, non vedrai sempre le stesse previsioni se provi a confrontarle. Le previsioni rifletteranno le query uniche e rilevanti per un particolare argomento. 


In generale, il completamento automatico è una funzione complessa che consente di risparmiare tempo ma che non si limita a visualizzare le query più comuni su un determinato argomento. Questo è anche il motivo per cui è diverso e non dovrebbe essere confrontato con Google Trends, che è uno strumento per i media e per chiunque sia interessato a ricercare la popolarità delle ricerche e degli argomenti nel tempo.

Previsioni che probabilmente non vedrai 

Le previsioni, come spiegato, sono pensate per aiutarvi a completare più rapidamente qualcosa che state digitando. Ma come ogni cosa, le previsioni non sono perfette. C'è il potenziale per mostrare previsioni inaspettate o scioccanti. È anche possibile che le persone prendano le previsioni come affermazioni di fatti o opinioni. Ci rendiamo anche conto che alcune query hanno meno probabilità di portare a contenuti affidabili. 


Gestiamo queste situazioni in due modi. Innanzitutto, disponiamo di sistemi progettati per impedire la visualizzazione di previsioni potenzialmente inutili e che violano le norme. In secondo luogo, se i nostri sistemi automatizzati non rilevano previsioni che violano le nostre norme, disponiamo di team incaricati dell'applicazione delle norme che rimuovono le previsioni in conformità con tali norme. 


I nostri sistemi sono progettati per riconoscere termini e frasi che potrebbero essere violenti, sessualmente espliciti, di incitamento all’odio, denigratori o pericolosi. Quando riconosciamo che tale contenuto potrebbe emergere in una particolare previsione, i nostri sistemi ne impediscono la visualizzazione. Le persone possono sempre cercare tali argomenti usando quelle parole, ovviamente. Niente lo impedisce. Semplicemente non vogliamo scioccare o sorprendere involontariamente le persone con previsioni che potrebbero non aspettarsi. 


Utilizzando i nostri sistemi automatizzati, riusciamo anche a riconoscere se una previsione non sia in grado di restituire contenuti molto affidabili. Ad esempio, dopo una grossa notizia di attualità, può esserci un numero qualsiasi di voci non confermate o diffusione di informazioni che non vorremmo che le persone pensassero che il completamento automatico stia in qualche modo confermando. In questi casi, i nostri sistemi identificano la probabilità di contenuti affidabili su un determinato argomento per una determinata ricerca. Se tale probabilità è bassa, i sistemi potrebbero impedire automaticamente la visualizzazione di una previsione. Ma ancora una volta, questo non impedisce di completare una ricerca, se lo si desidera. 


Sebbene i nostri sistemi automatizzati in genere funzionano molto bene, non intercettano tutto. Questo è il motivo per cui abbiamo delle norme per il completamento automatico, che pubblichiamo affinché siano patrimonio di tutti. I nostri sistemi mirano a impedire la visualizzazione di previsioni che violano le norme. Tuttavia, se tali previsioni superano i nostri sistemi e ne veniamo a conoscenza (ad esempio tramite opzioni di segnalazione pubblica), i nostri team addetti all'applicazione delle norme lavorano per esaminarle e rimuoverle, a seconda dei casi. In questi casi, rimuoviamo sia la previsione specifica in questione e spesso utilizziamo il pattern-matching e altri metodi per identificare variazioni strettamente correlate. 
A mo’ di esempio di tutto ciò, prendiamo la nostra policy sui nomi in relazione al completamento automatico, che abbiamo lanciato nel 2016. È progettata per impedire la visualizzazione di query offensive, dannose o inappropriate in relazione a individui identificate per nome, in modo che le persone non si formino un'impressione su altri esclusivamente partendo dalle previsioni. Abbiamo sistemi che mirano a impedire la visualizzazione di questo tipo di previsioni per le query sui nomi. In caso di violazioni, le rimuoviamo in linea con le nostre norme. 

Potete sempre cercare ciò che volete 

Ora che abbiamo discusso il motivo per cui alcune previsioni potrebbero non essere visualizzate, è anche utile ricordare che le previsioni non sono risultati di ricerca. E per chi è preoccupato che così facendo si impedisca la visualizzazione dei risultati di ricerca effettivi, non è questo il caso. I criteri di completamento automatico si applicano solo alle previsioni. Non si applicano ai risultati di ricerca. 


Ci rendiamo conto che talvolta i nostri sistemi di protezione potrebbero impedire la visualizzazione di alcune previsioni utili. In effetti, è un approccio particolarmente cauto, che però preferiamo. Questo soprattutto perché, anche se una previsione non viene visualizzata, ciò non influisce sulla possibilità per le persone di finire di digitare una query da solo e di trovare i risultati di ricerca. 


Ci auguriamo che questo vi abbia aiutato a capire di più su come la Ricerca Google genera previsioni che vi consentono di completare più rapidamente la query che avete iniziato, che lo facciate da laptop o da telefono. E se state ancora cercando ulteriori dettagli sulla ricerca, date un'occhiata ad altri articoli della nostra serie Come funziona la Ricerca.