Torna al menu principale
Blog di Google Italy
Creators & Trends

Lettera ai creator: le nostre priorità per il 2021



RIFLESSIONI SUL 2020 

Mentre prendiamo il passo di questo 2021, molti di noi stanno ancora cercando di elaborare ciò che abbiamo vissuto nel 2020: l'attacco straziante al Campidoglio negli Stati Uniti, una pandemia globale, tornate elettorali controverse e disastri naturali come gli incendi in Australia e in California. Abbiamo marciato insieme per difendere la giustizia razziale e ricordare a tutti che gli effetti del razzismo sistemico si fanno sentire ancora ogni giorno in tutto il mondo. 


YouTube ha contribuito a unire le persone in circostanze difficili, anche in assenza di un contatto diretto. L'anno scorso più spettatori che mai hanno utilizzato la piattaforma per imparare nuove competenze, trovare informazioni accurate sul COVID-19 e ricostruire online un senso di appartenenza a una comunità. E abbiamo visto artisti entrare in contatto con i loro fan e rendere YouTube un luogo di incontro virtuale. Miley Cyrus, The Roots e Sebastian Yatra si sono riuniti per l'iniziativa Save Our Stages, un festival musicale online che ha raccolto 1,8 milioni di dollari per sostenere i locali indipendenti per la musica dal vivo, colpiti duramente dalle chiusure causate dal COVID-19. 


La pandemia ha accelerato le nostre vite digitali. Nel corso del primo trimestre dell'anno abbiamo assistito a un aumento del 25% del tempo di visualizzazione in tutto il mondo. Il 2020 è stato, ad oggi, l’anno migliore per YouTube Gaming con oltre 100 miliardi di ore di contenuto gaming visto su YouTube. Nella prima metà dell'anno, il totale giornaliero dei live streaming è cresciuto del 45%. Dagli artisti che si sono esibiti nelle loro abitazioni, ai servizi religiosi trasferiti online, oltre mezzo milione di canali hanno trasmesso in live streaming per la prima volta nel 2020, per un totale di più di 10 milioni di nuovi live streaming sulla piattaforma. Tra questi ricordiamo gli artisti brasiliani Jorge e Mateus, che hanno trasmesso un concerto in live streaming dal loro garage visto più di 40 milioni di volte. 

Qui a YouTube, porteremo con noi nel nuovo anno le lezioni del 2020. Siamo concentrati sulla realizzazione delle nostre priorità: far crescere l'economia generata dai creator, essere all'altezza delle nostre responsabilità, aiutare le persone ad apprendere nuove competenze e costruire il futuro di YouTube. Ci impegniamo, inoltre, a collaborare con i governi di tutto il mondo per affrontare questioni normative sempre più complesse. 

LE PRIORITÀ DEL 2021 

Far crescere l'economia generata dai creator 

L'economia che ruota attorno a YouTube è incredibilmente sana e forte , nonostante le sfide del 2020. Il numero dei nuovi canali che l'anno scorso hanno aderito al Programma partner di YouTube (YPP) è più che raddoppiato rispetto all'anno precedente. 
I creator stanno costruendo imprese di nuova generazione che portano un beneficio l'economia nel suo complesso. Secondo un rapporto di Oxford Economics, l'ecosistema creativo di YouTube ha contribuito al PIL degli Stati Uniti per circa 16 miliardi di dollari nel 2019, sostenendo l'equivalente di 345.000 posti di lavoro a tempo pieno. Stiamo riscontrando ottimi risultati anche in altri paesi del mondo. Nel 2019 abbiamo contribuito per circa 1,4 miliardi di sterline al PIL del Regno Unito e creato l'equivalente di 30.000 posti di lavoro a tempo pieno. Si stima che in Francia il contributo al PIL sia stato di 515 milioni di euro, pari a circa 15.000 posti di lavoro a tempo pieno. 


Ciascun creator ha una storia unica da raccontare su ciò che lo ha motivato ad avviare il proprio canale. Sei anni fa Brandon Reed lottava per sbarcare il lunario da genitore single. Voleva tornare a scuola per studiare animazione e dare una svolta alla sua carriera, in modo da dare ai suoi figli una vita migliore, ma non poteva permetterselo. Ha imparato l'animazione guardando i video di YouTube a tarda notte, dopo aver messo a letto i suoi figli, e in seguito ha lanciato i suoi lungometraggi animati. Ricorda ancora il primo assegno da 100 dollari che ha ricevuto da YouTube. Oggi Brandon lavora a tempo pieno sul suo canale YouTube e le sue animazioni hanno ottenuto più di 250 milioni di visualizzazioni in tutto il mondo. 


Brandon è solo uno dei tanti creator in tutto il mondo che hanno ottenuto dei benefici dopo aver trovato una casa su YouTube. Nel corso degli ultimi tre anni abbiamo versato a creator, artisti e società media più di 30 miliardi di dollari. 
Nell'anno a venire ci impegniamo a sostenere i creator e gli artisti in tre ambiti chiave: 


1. Trasparenza delle norme
: sappiamo che i creator chiedono l'assistenza dei nostri team e più trasparenza sul funzionamento delle nostre norme. Riconosciamo di avere del lavoro da fare in quest'area e ci impegniamo a fornire nel 2021 maggiore assistenza ai creator. Le nostre norme sono state ideate per proteggere la community di YouTube da comportamenti illeciti e da malintenzionati e per creare un ambiente idoneo agli inserzionisti, in modo che possano supportare l’ecosistema dei creator. Ma ci rendiamo conto che, vista la scala su cui operiamo, è difficile per i creator stare al passo con le modifiche delle Norme della community. E sappiamo anche che commettiamo errori.  


A dicembre scorso ho parlato con il creator Charlie White del canale penguinz0 dopo che ha twittato di aver ricevuto un avvertimento per un vecchio video a causa di una nuova norma. Sappiamo che altri creator si sono trovati in situazioni simili. Abbiamo discusso in modo costruttivo e Charlie ha realizzato un video in cui illustra la nostra risposta alle sue preoccupazioni. 


Prendiamo questi argomenti molto seriamente e quest'anno apporteremo dei cambiamenti per aiutare i creator. Alcune delle iniziative che adotteremo per affrontare quest'area di preoccupazione per la community includono: più trasparenza nelle norme, maggiore assistenza per i creator e miglioramenti nella procedura di ricorso per i creator.  


2. Ulteriori fonti di guadagno: gli abbonamenti a Premium e Music sono cresciuti rapidamente, raggiungendo gli oltre 30 milioni di abbonati paganti nel terzo trimestre dello scorso anno, e i creator e gli artisti stanno trovando nuovi modi per entrare in contatto con il pubblico e diversificare le loro entrate. L'anno scorso il numero di canali che hanno ottenuto la maggior parte delle entrate da Superchat, Super Stickers o abbonamenti al canale su YouTube è triplicato. La creator indiana Rachana Ranade usa il suo canale per aiutare le persone ad approfondire le competenze finanziarie. Ha attivato gli abbonamenti lo scorso anno e ora proprio questi rappresentano la maggior parte delle sue entrate su YouTube, più di 100.000 dollari. 


3. Sostenere il successo di tutti i creator
: man mano che sviluppiamo l'economia intorno ai creator, vogliamo anche assicurarci che tutti loro possano partecipare a queste opportunità. Abbiamo ascoltato le preoccupazioni dei creator di varie community, in particolare della comunità nera, riguardo le loro esperienze sulla piattaforma. Ma poiché non chiediamo ai creator di rivelare la loro identità, è difficile capire cosa stia accadendo su larga scala nelle diverse community di YouTube. Stiamo lavorando per risolvere queste preoccupazioni. 


Quest'anno inizieremo a chiedere ai creator negli Stati Uniti di fornirci su base volontaria la loro identificazione di genere, orientamento sessuale, razza e etnia. Queste informazioni ci aiuteranno a identificare potenziali lacune nei nostri sistemi che potrebbero influire sulla possibilità per i creator di raggiungere il loro pieno potenziale. In questo modo potremo capire come vengono trattati i contenuti delle diverse community nelle fasi di ricerca, scoperta e monetizzazione. Riteniamo che questo alla fine andrà a beneficio dell'intera community di YouTube e apprezziamo la collaborazione dei creator delle comunità black, LGBTQ+ e latinx che hanno condiviso con noi le loro prospettive per contribuire a rendere YouTube un posto migliore per tutti. 

Essere all'altezza delle nostre responsabilità 

È una priorità continuare ad aggiornare il nostro approccio alla responsabilità in modo che le persone trovino contenuti di alta qualità quando accedono alla nostra piattaforma. Ci impegniamo continuamente per trovare il giusto equilibrio tra apertura e responsabilità, mentre rispettiamo le linee guida stabilite dai governi di tutto il mondo. Il nostro approccio alla responsabilità consiste nel rimuovere i contenuti che secondo gli esperti possono nuocere nel mondo reale, promuovere contenuti autorevoli e affidabili, ridurre quelli che rappresentano casi limite e ricompensare i creator che soddisfano i nostri requisiti sempre più elevati per la monetizzazione. 


Oltre all'approfondito lavoro che abbiamo svolto durante le elezioni americane, abbiamo anche assunto una salda posizione riguardo alla pandemia. I nostri team si sono consultati con più di 85 autorità sanitarie locali in tutto il mondo per aiutare le persone a trovare contenuti affidabili sul COVID-19. E stiamo ottenendo dei risultati grazie anche agli sforzi dei creator nel diffondere le notizie: abbiamo raggiunto oltre 400 miliardi di impression dei riquadri informativi riferiti al COVID-19. 
Abbiamo aggiornato le norme per rimuovere casi di grave disinformazione medica sul COVID-19 e per vietare la possibilità di diffondere opinioni pericolose come il negazionismo sulla malattia o la promozione di cure non comprovate dal punto di vista scientifico. Abbiamo continuato ad aggiornare le norme sul COVID-19 per rimanere al passo con la scienza e da febbraio abbiamo rimosso più di mezzo milione di video. 


Vaccinazione: ora la nostra attenzione si è concentrata sulle implicazioni delle vaccinazioni. A ottobre scorso abbiamo aumentato l'impegno nel rimuovere i contenuti che contengono affermazioni sulle vaccinazioni per il COVID-19 che contraddicono il parere degli esperti delle autorità sanitarie locali, come i Centers for Disease Control o l’Organizzazione Mondiale della Sanità. Abbiamo anche aggiunto sulla home page e su video e ricerche legati ai vaccini un avviso che indirizza verso fonti autorevoli. Vogliamo aiutare le persone a comprendere l'importanza delle vaccinazioni indirizzandole nel momento opportuno verso informazioni utili a prendere decisioni consapevoli. Vogliamo inoltre aiutare la comunità scientifica a interagire con il pubblico su questo importante argomento. I nostri team stanno lavorando duramente per utilizzare tutte le risorse a nostra disposizione, con la collaborazione dei creator, per aiutare le persone a ottenere le informazioni più accurate e aggiornate sui vaccini. I creator hanno realizzato più di 60 interviste con i principali operatori sanitari, compresa la conversazione di Fat Joe con il dottor Anthony Fauci e la discussione di Roshni Mukherjee su come gestire lo stress durante il COVID-19 con il dottor Manoj Sharma. Le interviste dei creator sul tema salute hanno ottenuto più di 65 milioni di visualizzazioni in tutto il mondo e speriamo di vedere molte altre conversazioni di questo tipo nel corso dell’anno. 


Salute: Sappiamo che YouTube può essere un'incredibile risorsa per la salute: ho sentito storie di studenti di medicina che utilizzano la nostra piattaforma per studiare procedure e interventi chirurgici. Quest'anno aumenteremo il nostro impegno per rendere le informazioni sulla salute più accessibili e comprensibili, così da migliorare la salute delle persone in tutto il mondo. Recentemente abbiamo annunciato nuove collaborazioni con organizzazioni come l'American Public Health Association, la Cleveland Clinic e la Mayo Clinic. Continueremo a impegnarci per creare nuove partnership in ambito sanitario con cui contribuire a portare informazioni autorevoli sulla salute su YouTube, anche in Europa e in Asia. Siamo molto contenti che il Dr. Garth Graham sia a capo di questa iniziativa! 

Giustizia razziale: continua il nostro impegno in merito alla giustizia razziale, nell'ambito del quale ci assicuriamo che tutti i creator possano crescere sulla nostra piattaforma. Un importante obiettivo che abbiamo identificato è quello di proteggere maggiormente i creator dai commenti offensivi. Abbiamo cominciato a testare un nuovo filtro su YouTube Studio che intercetta i commenti potenzialmente inappropriati tra quelli considerati automaticamente in attesa di revisione, in modo che i creator possano scegliere di non leggerli. I creator sono il cuore di YouTube e sostenere il loro benessere è fondamentale per tutto ciò che facciamo. Ci impegniamo a prendere le misure necessarie per essere all'altezza di questa responsabilità. 
E tramite il #YouTubeBlack Voices Fund stiamo portando su YouTube storie di rilievo sulle esperienze dei neri in tutto il mondo, valorizzando il potere intellettuale, la dignità e la gioia delle voci nere e istruendo gli spettatori sulla giustizia razziale. All'inizio di questo mese abbiamo annunciato la #YouTubeBlack Voices Class del 2021: 132 creator e artisti provenienti da Stati Uniti, Kenya, Regno Unito, Brasile, Australia, Sud Africa e Nigeria. Siamo entusiasti di poter contribuire ad amplificare le loro storie quest'anno. 


Il mese prossimo, celebreremo il Black History Month con i nuovi YouTube Originals, tra cui un episodio di BookTube con la co-fondatrice di Black Lives Matter Alicia Garza e una nuova stagione di Glad You Asked che esaminerà le domande sull'impatto del razzismo sistemico nelle nostre comunità. 

Aiutare le persone ad apprendere nuove competenze 

Uno degli aspetti di YouTube che mi rende più orgogliosa è il ruolo che svolgiamo nel permettere alle persone di apprendere nuove competenze. Ascolto tante storie di persone che hanno imparato qualcosa di nuovo sulla nostra piattaforma, non mi sorprende quindi che il 77% degli intervistati di uno studio Ipsos afferma di aver utilizzato YouTube nel corso del 2020 per apprendere nuove competenze. 


Durante la pandemia questa tendenza è cresciuta perché abbiamo lavorato e studiato da casa e adattato le nostre vite alla quarantena. In effetti i video con la parola "principiante" nel titolo sono stati guardati oltre un miliardo di volte da metà marzo. L'anno scorso ho usato YouTube per imparare a tagliarmi i capelli, aggiustare il frigo, capire i bitcoin e aiutare a fare i compiti di fisica. 


I creator riescono ad aiutarci ad affrontare le sfide della quarantena. Crash Course e Arizona State University (ASU) hanno creato una serie chiamata Study Hall incentrata su materie accademiche fondamentali come scrittura creativa, algebra e altre scomponendole in formati facili da seguire. Eddie Woo ha sviluppato dei video per aiutare gli insegnanti a iniziare a lavorare su YouTube. E Mayuko, una software engineer che ha lasciato un lavoro nella Silicon Valley per creare un canale YouTube, aiuta le persone con consigli sulla tecnologia e sulla carriera. 


Quest'anno vogliamo aiutare ancora più persone ad apprendere nuove competenze su YouTube. Quando penso a come YouTube può cambiare la vita delle persone, non posso non citare la storia di Josh Carroll. Josh è un veterano dell'esercito che lavorava come bidello mentre imparava da solo matematica avanzata su YouTube e in seguito è diventato un fisico. 
Sosteniamo inoltre i creator che creano opportunità economiche insegnando competenze del 21° secolo come programmazione, economia e lingue. Creator come The Futur che aiuta 1 miliardo di persone a imparare come guadagnarsi da vivere facendo ciò che amano. 


L'apprendimento di competenze professionali richieste può cambiare la vita delle persone e credo che sia necessario aumentare gli sforzi per connettere gli utenti con questo tipo di contenuti. Stiamo in procinto di raggiungere un nuovo obiettivo: raddoppiare il numero di utenti che interagiscono con i contenuti educativi di YouTube. Vogliamo aiutare più persone come Brandon e Josh a entrare in contatto con video che possano aiutarli in un percorso di realizzazione personale e di crescita economica. 

Costruire il futuro di YouTube 

Mentre ci concentriamo sul prossimo anno, ecco alcune aree in cui ci entusiasmano le nuove funzionalità di YouTube: 

  1. Creazione da dispositivi mobili: sempre più persone creano contenuti dai loro telefoni e per questo stiamo investendo per mettere a disposizione dei creator nuovi strumenti per il montaggio dei video. Siamo in fase di beta test di YouTube Shorts in India e siamo entusiasti di ridurre le barriere all'ingresso e aiutare la prossima generazione di “mobile” creator a raccontare le loro storie. Ad oggi le visualizzazioni dei video nel nuovo player di Shorts, che permette alle persone in tutto il mondo di guardare brevi video su YouTube, sono già 3,5 miliardi al giorno! Non vediamo l’ora di introdurre Shorts in altri mercati nel corso dell’anno. 
  2. Acquisti: sappiamo che molti utenti e consumatori ricercano i prodotti su YouTube prima di acquistarli. Secondo un recente studio di Talk Shoppe, il 70% delle persone intervistate dichiara di aver acquistato un prodotto di un brand dopo averlo visto su YouTube. Siamo entusiasti di integrare gli acquisti nell'esperienza di YouTube. Attualmente stiamo testando un nuovo programma beta con un gruppo di creator attivi nei campi della bellezza e dell'elettronica per aiutare le persone a scoprire e acquistare i prodotti che vedono nei video. Quest'anno usciranno nuove funzionalità quindi comunicheremo presto nuovi aggiornamenti. 
  3. Schermo TV: abbiamo notato anche che gli spettatori vogliono guardare i loro creator e contenuti preferiti sullo schermo migliore e più grande. Infatti la TV è stato il dispositivo su cui siamo cresciuti di più nel 2020, anche perché abbiamo lavorato per migliorare lo stile, le sensazioni e il rendimento dell'app per la TV. E stiamo rendendo più facile per gli inserzionisti raggiungere un maggior numero di consumatori sul dispositivo che stanno guardando. Continueremo a portare YouTube su altri dispositivi TV e migliorare ulteriormente la navigazione vocale, il tutto per fornire un'esperienza che corrisponda a ciò che gli spettatori desiderano maggiormente. Abbiamo l'opportunità di continuare a migliorare il prodotto per i creator, gli inserzionisti e le persone e continueremo a investire molto in questa esperienza. 

Il panorama normativo 

C'è un'altra area su cui ci concentreremo particolarmente nel 2021: la regolamentazione. E' stato importante collaborare con i governi su questioni critiche come la prevenzione dell'estremismo e delle operazioni di influenza coordinata sulla nostra piattaforma. L'anno scorso queste partnership sono state estremamente utili in quanto abbiamo lavorato insieme per aiutare a fornire alle persone informazioni accurate durante la pandemia. Continueremo a collaborare con i policy maker sulle questioni che hanno un effetto sulla nostra attività e sulla nostra forza lavoro come l'immigrazione, l'istruzione, le infrastrutture e la sanità. 


Mentre continuiamo in questi impegni, le società tecnologiche si trovano di fronte a maggior scrutinio dovuto all’azione regolamentare. Ho sollevato il tema in passato dedicando alcune mie riflessione in merito all'articolo 17 (in precedenza art. 13) della direttiva europea sul copyright. I creator che hanno condiviso apertamente il loro punto di vista con le istituzioni hanno ottenuto risultati significativi nel migliorarne la formulazione. A loro va il nostro grazie per aver aiutato ad arricchire un dibattito necessario e non ancora concluso. Anche se ci sono ancora delle aree di preoccupazione, la stesura non è infatti definitiva e stiamo lavorando a stretto contatto con i policy maker degli Stati europei che stanno seguendo il recepimento della Direttiva nelle legislazioni nazionali. 


Recentemente c’è stato un dibattito significativo su Section 230 che ci permette sia di mantenere l'apertura di YouTube e di includere una grande quantità di contenuti su Internet sia di intraprendere le azioni necessarie a proteggere la piattaforma. Entrambe le parti politiche sono interessate a modificarla anche se non c'è consenso su ciò che vada fatto in quanto le loro opinioni sul tema sono diametralmente opposte e una mancanza di consenso su ciò che dovrebbe essere fatto. 
L'Unione Europea ha introdotto recentemente il Digital Services Act (DSA) che potrebbe anche avere importanti implicazioni per la libertà di espressione online. Continueremo a comunicare tempestivamente gli aggiornamenti sui progressi in questo campo, mentre lavoriamo anche con governi - come quello del Regno Unito - che stanno studiando leggi per bloccare i contenuti dannosi, per fare in modo che i policy maker comprendano il potenziale impatto che le loro decisioni potrebbero avere sul lavoro dei creator. 

Uno sguardo rivolto al 2021 

Speriamo tutti in giorni migliori. Indipendentemente da ciò che porterà il 2021, il lavoro di creatori e artisti su YouTube aiuterà a costruire comunità e darà a tutti noi un motivo per guardare avanti. Grazie per tutto quello che fate.