Torna al menu principale
Blog di Google Italy
Creators & Trends

Sostenibile è semplice, ce lo raccontano “TerraTerra” 9 YouTube creator

Immagine della locandina della campagna. Il simbolo di YouTube con vari simboli relativi alla sostenibilità.

Si chiude un anno importante per il dibattito sul futuro del pianeta, quello della Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici del 2021 (COP26). Ma quanti di noi si sono ripromessi di affrontare l’anno nuovo con un approccio davvero più green, e non sanno da dove cominciare? 
Se anche voi volete fare la vostra piccola parte per un 2022 più sostenibile, seguite i consigli di 9 YouTuber che - partendo da un’idea del Parlamento europeo e YouTube e con il supporto di EIIS (European Institute of Innovation for Sustainability) - hanno condiviso il proprio punto di vista su pratiche sostenibili. L’obiettivo? Far conoscere alla propria community le attività e gli obiettivi dell'Unione Europea in materia di salvaguardia del Pianeta e stimolare la partecipazione attiva delle persone per un futuro più sostenibile. 


Regola #1: capire:
  Semplice dare delle regole, ma prima bisogna conoscere. DarialNaturale racconta in questo video il suo cambiamento in una direzione più green, e ci aiuta a capire come la svolta verso una vita più consapevole parta dal mettere in discussione quello che si è fatto e come si è vissuto, per poi fare scelte sostenibili. Perché in fondo è la nostra vita e siamo tutti la stessa grande casa. 

Sempre alla moda, ma sostenibile: Camilla Mendini, che fece il suo primo video su YouTube proprio parlando di moda sostenibile, raccoglie in un unico video un vademecum sulla moda sostenibile. Da cosa definisce la moda sostenibile e la sostenibilità di un prodotto di moda, a perché è importante scegliere un capo sostenibile, da cosa è il greenwashing a quali strumenti abbiamo per riconoscere un capo sostenibile. 

Basta sprechi: nel mondo si produca molto più cibo di quanto ne serva. Una buona notizia? Non proprio, perché c’è una parte di popolazione che quel cibo non lo riceve, un’altra parte che si nutre troppo e per questo ha problemi di salute, e poi ci sono tante risorse che vanno sprecate inutilmente. Francesca Della Giovampaola e Filippo Bellantoni de Il Bosco di Ogigia hanno raccolto in un video 12 consigli per limitare lo spreco di cibo

Tecnologia sì, ma consapevole: Tanti gadget e device bellissimi, magari ricevuti per le feste; tante foto accumulate in cloud con l’idea di "così mi ricordo di tutto”, ma in fondo mai riviste. Ma sapete che tutto ciò consuma energia? In questo video Fjona Cakalli e il team di Tech Princess ci aiutano a usare la tecnologia con coscienza e un occhio al pianeta. 

Pronti, partenza, Van (life) - Valentina e Edoardo, i nostri Viaggiatori ecologici, ci aprono le porte del loro camper per mostrarci come è nata la loro vita in van e le risorse che utilizzano per vivere impattando il meno possibile sul Pianeta. Da come siano riusciti a dimezzare l'utilizzo dell’acqua grazie al recupero e all'efficientamento, al mangiare consapevolmente, informandosi sulla provenienza degli alimenti, sul loro impatto anche in termini di imballaggio, sulla catena di vendita. 

Hai detto “da domani dieta”? Naki ci porta dalla conferenza COP26 a cosa ognuno di noi possa fare perché il cambiamento climatico possa essere considerato dai governi come una emergenza, e non come qualcosa che un giorno si sistemerà. Certo, il tema è complesso, e richiede impegno e con lei attraversiamo le azioni concrete che ognuno di noi può fare per invertire il cambiamento del pianeta. A partire dal piatto in tavola! 

Green is all around: Una delle domande ricorrenti su Google nel corso di gennaio è “cosa piantare a gennaio”. Mentre Matt the Farmer ci racconta come ha reso più sostenibile il proprio podere, proviamo a cercare nel suo canale come rendere più green il nostro balcone e, magari, produrre qualche verdura per la famiglia, anche se siamo convinti di non avere esattamente il pollice verde. 

Non esistono più le mezze stagioni…: Ruggero Rollini ci aiuta a capire il nesso tra gli eventi estremi e il cambiamento climatico, convinto che il primo vero passo verso la sostenibilità sia attraverso la consapevolezza di stare affrontando un tema enorme, sfaccettato e complesso, come lo studio dei sistemi complessi. Partendo dal fatto che gli eventi estremi sono sempre esistiti, ci spiega come sia la frequenza e l'intensità di questi eventi sia anomalo. Principale motivo, il cambiamento climatico causato dall’uomo.  
Green Routine - Xenia offwhite ci accompagna attraverso le sue abitudini green quotidiane: dal comprare prodotti sfusi, sostituire oggetti monouso, all’attenzione nell’utilizzo di acqua e elettricità. Se avete poco tempo, date un occhio alla playlist di “Terra Terra: sostenibile è semplice”. 
 Scritto da: Il Team Youtube in Italia