Torna al menu principale
Blog di Google Italy
Public Policy

Sorpresa di Pasqua



Con grande sorpresa, ieri mattina l'Assemblea Nazionale Francese ha bocciato la legge Olivennes, ovvero la proposta di tagliare la connessione ad Internet a chi scarica illegalmente musica o film. Abbiamo già espresso la nostra opinione sull'argomento: ovvero che è possibile trovare un equilibrio tra diritto d'autore e condivisione della conoscenza.

Anche da noi si parla molto della possibilità di adottare una soluzione simile a quella proposta in Francia per combattere la pirateria informatica.


Qualche giorno fa è apparsa su alcuni giornali un'indiscrezione secondo cui l’Italia avrebbe concordato con le autorità Francesi di implementare l'approccio Olivennes, tre avvisi e se si continua a scaricare musica e video in modo illegale viene tagliata la connessione ad Internet.


A questo proposito l'On. Roberto Cassinelli, un parlamentare che si interessa degli aspetti della rete, ha presentato un'interrogazione parlamentare per chiedere al Governo che “un tema tanto complesso e delicato sia trattato in modo responsabile, salvaguardando i diritti di autori ed editori e conciliandoli con quelli degli utenti della rete", sottolineando che la proposta di legge Olivennes è "in contrasto con una precedente decisione del Parlamento europeo ed è difficilmente conciliabile con alcuni diritti inviolabili garantiti dalla Costituzione italiana e dal Codice in materia di protezione dei dati personali”. Siamo d'accordo con lui.


Le nuove tecnologie rappresentano certamente una sfida, impongono innovativi modelli di business e mettono in crisi le rendite di posizione. Ma allo stesso tempo abbracciare il cambiamento rappresenta l'alternativa più valida per venire incontro alle aspettative degli utenti e fare in modo che i nuovi media costituiscano uno strumento di crescita culturale ed economica. Questo senza trascurare la lotta contro chi guadagna con la pirateria e lo sviluppo delle tecnologie per la protezione del diritto d'autore.

PS: Il titolo di questo post è una citazione dal blog di Guido Scorza a cui va, tra gli altri meriti, quello di aver seguito questa vicenda sin dall'inizio.