Torna al menu principale
Blog di Google Italy
Public Policy

In aiuto all'Ucraina



Secondo la Croce Rossa Polacca, da giovedì scorso sono arrivate  oltre 300,000 persone in Polonia (foto: Croce Rossa)

Aggiornamento del 10 marzo, 2022

  • Il nostro team per l’analisi delle minacce informatiche (TAG, Threat Analysis Group) si è concentrato sulla sicurezza e la protezione dei nostri utenti in Ucraina e nella regione circostante, per aiutarli ad accedere e condividere informazioni rilevanti. TAG ha rilevato dei tentativi di attacco informatico da parte di diversi gruppi, inclusi FancyBear e Ghostwriter, che vengono monitorati costantemente e sono ben noti alle forze dell'ordine. Qualche giorno fa, abbiamo condiviso ulteriori informazioni su queste minacce informatiche, per aumentare la consapevolezza nelle community che si occupano di cybersicurezza e gli utenti più ad alto rischio.
  • Stiamo assistendo tutti al disastro umanitario in corso in Ucraina e alla situazione dei rifugiati. Per aiutare il maggior numero possibile di persone nella regione, stiamo sviluppando degli strumenti che consentano alle aziende di segnalare se stanno fornendo un supporto per i rifugiati. A partire da oggi, i proprietari di hotel nei paesi confinanti con l'Ucraina possono indicare sul proprio profilo dell’attività se offrono alloggi gratuiti o scontati per i rifugiati. E le aziende locali possono pubblicare sul proprio profilo dell'attività sulla Ricerca Google o su Google Maps la presenza di servizi e aiuti alle persone che stanno lasciando il Paese. Raccogliendo questo tipo di informazioni nelle prossime settimane, saremo in grado di aiutare le persone a trovare rapidamente questi luoghi tramite la Ricerca o Google Maps.
  • Nell'ambito del nostro crescente investimento in Polonia, abbiamo annunciato che utilizzeremo gli spazi e le risorse di Google per supportare le persone colpite dalla guerra, anche utilizzando il Campus di Google for Startups a Varsavia come spazio in cui le ONG locali potranno fornire supporto legale e psicologico ai rifugiati. Questo piano di emergenza si inserisce all’interno del nostro sostegno da 10 milioni di dollari a favore delle organizzazioni locali che aiutano i rifugiati che arrivano in Polonia, e del supporto alle ONG che svolgono questo lavoro cruciale in Slovacchia, Romania e Ungheria.
  • Purtroppo, milioni di persone in Ucraina fanno affidamento sugli avvisi di attacco aereo per cercare di mettersi al sicuro. Su richiesta e con l'aiuto del governo ucraino, abbiamo iniziato a implementare un rapido sistema di avvisi di incursioni aeree per smartphone Android. Questo strumento è complementare ai sistemi di allerta antiaerea esistenti nel paese e si basa sugli allarmi già diffusi dal governo ucraino.
  • Continuiamo il nostro lavoro a livello globale per limitare in modo significativo l’indicizzazione sulle nostre piattaforme dei media russi finanziati dallo stato. In Europa, stiamo rimuovendo le app dei media russi finanziati dallo stato da Google Play, così come già fatto con RT e Sputnik. E come previsto dal regolamento (UE) 2022/350 del Consiglio dell'Unione Europea, abbiamo rimosso gli stessi RT e Sputnik dai nostri risultati sulla Ricerca in Unione Europea. Per maggiore trasparenza su questo tipo di rimozione, abbiamo sottoposto la richiesta al database di Lumen, come parte della nostra procedura standard in caso di notifiche di contenuti illegali presenti sulla Ricerca.
  • A seguito dell'annuncio della scorsa settimana sulla sospensione degli annunci pubblicitari tramite piattaforme Google in Russia, abbiamo interrotto la maggior parte delle nostre attività commerciali, inclusi gli annunci sulle nostre piattaforme a livello globale per tutti gli inserzionisti con sede in Russia, la registrazione di nuovi account su Cloud, i sistemi di pagamento per la maggior parte dei nostri servizi e l'accesso a tutte le funzionalità per la monetizzazione per gli spettatori di YouTube. Possiamo confermare che i nostri servizi gratuiti come la Ricerca, Gmail e YouTube sono ancora operativi in Russia. Continueremo a monitorare attentamente i prossimi sviluppi.

Aggiornamento del 4 marzo, 2022

  • I nostri team di sicurezza stanno lavorando 24/7 per proteggere gli utenti ucraini e importanti servizi locali. Continuiamo a rilevare tentativi di attacchi DDoS contro numerosi siti ucraini, tra cui il Ministero degli Affari Esteri, il Ministero degli Affari Interni e  servizi come Liveuamap, progettati per aiutare le persone a trovare informazioni. Abbiamo ampliato i requisiti di idoneità per Project Shield, il nostro servizio di protezione gratuita contro gli attacchi DDoS, in modo che i siti del governo ucraino, le ambasciate di tutto il mondo e altri governi coinvolti dal conflitto possano rimanere online, proteggersi e continuare a offrire i loro servizi cruciali.
  • Project Shield permette a Google di mitigare il  traffico malevolo in un attacco DDos e di agire come "scudo" per i siti web più piccoli, permettendo loro di continuare a operare e difendersi dagli stessi. Ad oggi, oltre 150 siti web in Ucraina, comprese molte organizzazioni giornalistiche, stanno usando il servizio e abbiamo comunicato la sua disponibilità ai rappresentanti del governo ucraino. Incoraggiamo tutte le organizzazioni idonee a registrarsi a Project Shield in modo che i nostri sistemi possano aiutare a bloccare questi attacchi e mantenere online i siti web.
  • L'invasione dell'Ucraina sta rapidamente creando una crisi umanitaria devastante. Più di 1,2 milioni di ucraini sono già fuggiti dalle loro case, secondo i dati dell'Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati (UNHCR), e l'ONU ha avvertito che il numero potrebbe salire a 5 milioni di persone nelle prossime settimane e mesi. La metà dei profughi finora fuggiti ha cercato rifugio temporaneo in Polonia. Oggi stiamo aumentando il nostro sostegno a 25 milioni di dollari in totale, impegnando altri 10 milioni di dollari per aiutare le organizzazioni che forniscono sia aiuti umanitari immediati che assistenza a lungo termine per i profughi in Polonia.
  • Gli avvisi di raid aerei e le sirene in Ucraina sono una tragica realtà quotidiana, e stiamo facendo tutto il possibile per aiutare le persone a ricevere questi avvisi indispensabili in tutti i modi possibili. Stiamo mettendo in evidenza l'app Повітряна тривога (Ukrainian Alarm) agli utenti di Google Play in Ucraina. Questa app è stata creata da sviluppatori ucraini in collaborazione con il Per aiutare le organizzazioni di soccorso coinvolte nell'assistenza umanitaria con forniture mediche, soccorso alimentare e supporto e aiuto ai profughi, stiamo estendendo i servizi gratuiti attraverso i crediti Google Cloud alle organizzazioni idonee.
  • Per aiutare le persone a comunicare con amici e familiari in questo momento di urgenza, stiamo azzerando i costi delle chiamate internazionali dall'Ucraina e dagli Stati Uniti all'Ucraina su Google Fi, e stiamo attualmente rinunciando ai costi delle chiamate verso l'Ucraina per le persone che usano Google Voice.
  • Continuiamo a monitorare la situazione e l'evoluzione dei regolamenti governativi - comprese le sanzioni - nella regione. Siamo in uno stato di costante aggiornamento con i governi in Europa e nel mondo per recepire le loro decisioni prontamente, compresa la limitazione della presenza di media finanziati dallo stato russo sulle nostre piattaforme.

Blogpost originale, pubblicato l'1 marzo, 2022:


L'invasione russa dell'Ucraina è una tragedia e un disastro umanitario in divenire. La risposta della comunità internazionale a questa guerra continua ad evolversi e i governi stanno imponendo nuove sanzioni e restrizioni. 
I nostri team lavorano 24 ore su 24 per supportare le persone in Ucraina attraverso i nostri prodotti, per difendere dalle minacce alla sicurezza informatica, per fornire informazioni affidabili e di alta qualità e per garantire la sicurezza dei nostri colleghi e delle loro famiglie nella regione. 

Ecco alcune delle azioni che stiamo intraprendendo. 

Il supporto di Google.org 

Insieme, i dipendenti di Google.org e Google stanno contribuendo ai soccorsi in Ucraina con 15 milioni di dollari in donazioni e supporto in natura, inclusi 5 milioni di dollari finora raccolti con una campagna con cui equivaliamo le donazioni dei nostri dipendenti e 5 milioni di dollari in sovvenzioni dirette. A questo si aggiungono crediti pubblicitari per aiutare organizzazioni umanitarie e intergovernative affidabili a mettere in contatto le persone con importanti fonti di aiuto e informazioni sul reinsediamento. 

Secondo la Croce Rossa Polacca, da giovedì scorso sono arrivate oltre 300,000 persone in Polonia (foto: Croce Rossa)

L’aggiornamento della Ricerca Google e di Maps in Ucraina 

Abbiamo lanciato un servizio di allerta SOS sulla Ricerca Google in tutta l'Ucraina. Quando le persone cercheranno informazioni sui profughi e sull'evacuazione, vedranno un avviso che li indirizzerà alle risorse delle Nazioni Unite per i rifugiati e i richiedenti asilo. Stiamo lavorando con organizzazioni specializzate per fornire informazioni umanitarie utili man mano che la situazione si evolve. 
Dopo aver consultato diverse fonti sul campo, comprese le autorità locali, abbiamo temporaneamente disattivato alcune funzioni in tempo reale di Google Maps in Ucraina, tra cui il livello di traffico e le informazioni sull’affollamento di zone specifiche della città, per contribuire a proteggere la sicurezza delle comunità locali e dei loro cittadini. Abbiamo anche aggiunto informazioni sui centri per profughi e migranti nei paesi vicini.

Espansione delle protezioni di sicurezza 

I nostri team di sicurezza sono attivi 24 ore su 24, 7 giorni su 7. Le attività di hacking e influenza sostenute dalla Russia non sono una novità per noi; le contrastiamo da anni. Solo negli ultimi dodici mesi, abbiamo usato prodotti come Gmail per inviare alle persone in Ucraina centinaia di avvisi relativi ad attacchi informatici sostenuti dal governo russo. Siamo stati particolarmente vigili durante l'invasione e i nostri prodotti continueranno a rilevare e bloccare automaticamente le attività sospette.

Anche se complessivamente non abbiamo rilevato cambiamenti significativi nei livelli di attività dannose in questa zona, il nostro Threat Analysis Group (“gruppo per l’analisi delle minacce”, TAG) ha avuto prova che chi lancia questo tipo di attacchi ha concentrato l’attenzione su obiettivi ucraini. Per esempio, abbiamo visto il gruppo di attacco informatico GhostWriter prendere di mira il governo ucraino e i funzionari militari. Abbiamo bloccato questi tentativi e non abbiamo riscontrato alcuna compromissione degli account Google a seguito di questa attività. 
Abbiamo anche aumentato automaticamente le protezioni di sicurezza dell'account Google (ad esempio mandando richieste di autenticazione più frequenti) le problematiche più frequenti legate all’autenticazione) per le persone nella regione e continueremo a farlo man mano che le minacce informatiche si evolvono. Il nostro programma di protezione avanzata - che offre il più alto livello di sicurezza di Google - attualmente protegge gli account di centinaia di utenti ad alto rischio in Ucraina. E "Project Shield", un servizio che fornisce protezione gratuita e illimitata contro gli attacchi Distributed Denial of Service (o Interruzione distribuita del servizio), sta già proteggendo oltre 100 siti Web ucraini, inclusi i servizi di notizie locali. 

Promuovere la qualità dell'informazione 

In questa fase di crisi stiamo adottando misure straordinarie per fermare la diffusione di notizie false e interrompere le campagne di disinformazione online.

A partire da oggi, blocchiamo i canali YouTube collegati a RT e Sputnik in tutta Europa. Questo segue la decisione di sospendere indefinitamente la monetizzazione dei media russi finanziati dal governo sulle nostre piattaforme, il che significa che media come RT non possono monetizzare i loro contenuti o fare pubblicità sulle nostre piattaforme.
Abbiamo anche limitato significativamente i video consigliati a livello globale per un certo numero di testate russe finanziate dallo stato sulle nostre piattaforme.
E negli ultimi giorni, YouTube ha rimosso centinaia di canali e migliaia di video per aver violato le Norme della community, inclusi diversi canali coinvolti in pratiche ingannevoli coordinate.
Ovviamente stiamo lavorando non solo per ridurre la portata delle informazioni non attendibili, ma anche per rendere prontamente disponibili informazioni affidabili. I nostri sistemi sono progettati per dare priorità alle informazioni più autorevoli nei momenti di crisi e in occasione di notizie in rapida evoluzione. Quando persone in tutto il mondo cercano argomenti relativi alla guerra in Ucraina su Ricerca o YouTube, i nostri sistemi mettono in evidenza informazioni, video e altri contesti chiave da fonti di notizie autorevoli.

Aiutare i nostri colleghi in Ucraina

Siamo estremamente preoccupati per la sicurezza e il benessere del nostro team ucraino e delle loro famiglie. I nostri team locali di Security and People Operations stanno lavorando da gennaio per fornire aiuto, tra cui supporto per la sicurezza fisica, ferie pagate, opzioni di assistenza e rimborso per vitto, alloggio e viaggi per chiunque sia costretto a lasciare le proprie case.

La gestione dei nostri servizi in Russia

Ci impegniamo a rispettare tutti i requisiti delle sanzioni e continuiamo a monitorare le ultime indicazioni. Man mano che i singoli, le regioni e le istituzioni come le banche vengono sanzionati, nostri prodotti come Google Pay potrebbero non essere più disponibili in alcuni paesi.
La maggior parte dei nostri servizi (come la Ricerca Google, Maps e YouTube) rimane attualmente disponibile in Russia, e continuano a fornire accesso a informazioni e punti di vista globali. Continueremo a monitorare la situazione e a intraprendere ulteriori azioni laddove necessario - e ci uniamo alla comunità internazionale nell'esprimere la sincera speranza di un ritorno a un'Ucraina pacifica e sovrana.